Blog

Disturbi del sonno nei lavoratori su turni: Impatto sulla salute

Introduzione I disturbi del sonno nei lavoratori su turni rappresentano una sfida significativa per la salute e il benessere dei dipendenti in molte industrie e settori. Mentre il lavoro su turni è spesso necessario per garantire la continuità delle attività produttive industriali e dei servizi, può avere un impatto negativo sulla qualità e sulla quantità del sonno, compromettendo così la salute generale, la sicurezza sul luogo di lavoro e le

Psichiatria di precisione: una nuova era per la salute mentale

Personalizzare il Trattamento per una Salute Mentale Ottimale Nell’ambito dell’assistenza sanitaria il concetto di psichiatria di precisione sta guadagnando notevole attenzione. Questo approccio, che adatta il trattamento alle caratteristiche individuali di ciascun paziente, ha mostrato promesse in vari campi medici, tra cui oncologia ed ematologia. Tuttavia, la sua applicazione in psichiatria è ancora agli inizi. La psichiatria è una specialità che finora non ha beneficiato delle tecnologie diagnostiche e terapeutiche

Schizofrenia e uso di cannabis

Il disturbo da uso di cannabis collegato alla schizofrenia Uno studio innovativo condotto da ricercatori dell’Istituto Nazionale per l’Abuso di Droghe (NIDA) Danese rivela che i giovani affetti da “disturbo da uso di cannabis” hanno un rischio più elevato di sviluppare una condizione schizofrenica. Il “Disturbo da uso di Cannabis” è un termine utilizzato nella psicologia e nella psichiatria per descrivere un quadro clinico caratterizzato da un uso problematico e

Cefalea e Depressione: che relazione?

La cefalea, in particolare la forma di emicrania, e il disturbo depressivo maggiore (MDD) sono due condizioni che affliggono un numero significativo di persone in tutto il mondo. Negli ultimi anni, la ricerca ha messo in luce l’esistenza di un’associazione tra queste due patologie, sollevando domande sulle possibili cause e sulle strategie di trattamento più appropriate. In particolare questi risultati sono stati ripresi in una recente review di letteratura pubblicata

Cefalea e Morbo di Alzheimer: cosa si conosce oggi

La cefalea è una malattia molto diffusa, che colpisce circa il 50% della popolazione mondiale. L’emicrania è un tipo di mal di testa ricorrente e debilitante, caratterizzato da episodi di dolore intenso, spesso localizzato su un solo lato della testa. Si tratta di una patologia neurologica cronica che può essere accompagnata da altri sintomi, come nausea, vomito, fotofobia (ipersensibilità alla luce), fonofobia (ipersensibilità ai suoni) e, in alcuni casi, disturbi

Serotonina e Psicopatologia in Psichiatria

La serotonina (5-HT) è uno dei neurotrasmettitori più intriganti del nostro corpo. Scoperta per la prima volta nel sangue e nelle cellule enterocromaffine, la 5-HT è stata inizialmente considerata un agente vasocostrittore, ma solo dopo circa vent’anni è stata scoperta anche nel sistema nervoso centrale (SNC), dove oggi viene considerata uno dei neurotrasmettitori più diffusi, influenti e probabilmente più studiati. E’ uno dei più importanti neurotrasmettitori che influenzano la salute

Daridorexant (Quviviq): come funziona sull’insonnia cronica

52° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia – Prof. Liborio Parrino Prof. Liborio Parrino, Professore ordinario di Neurologia, Università degli Studi di Parma, presenta il Daridorexant nuova molecola contro l’insonnia in occasione del 52° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia che si è tenuto a Milano dal 3 al 6 dicembre 2022 . Da poco è arrivato in Italia un nuovo farmaco per la terapia dell’insonnia cronica, il

Daridorexant: nuovo farmaco per l’insonnia

L’insonnia cronica sta entrando in una nuova fase di trattamento, basata sull’idea che si tratti di una condizione che dura 24 ore e che necessita di un approccio adeguato. In Italia dal mese di Marzo 2023 è stato commercializzato il daridorexant, un medicinale che offre una nuova alternativa terapeutica. Questo farmaco agisce selettivamente sul sistema dell’orexina, bloccando i segnali che mantengono la persona sveglia, e ha dimostrato efficacia e sicurezza