Delirio nella Demenza Senile

Delirio nella Demenza Senile

Una persona con Alzheimer può diventare sospettoso verso chi lo circonda, accusare altri individui di furto, infedeltà o altri comportamenti impropri. Anche se  le accuse possono risultare dolorose, occorre sempre ricordare che la causa di questi comportamenti è la malattia e bisogna cercare di non offendersi.

Quadro clinico

Deliri (ferme convinzioni in cose che non sono reali) possono verificarsi nel corso della fase  avanzata dell’Alzheimer. Confusione e perdita di memoria – come ad esempio l’incapacità di ricordare certe persone o oggetti – possono alimentare credenze non vere. Una persona con Alzheimer può credere che un membro della famiglia stia rubando i suoi averi o che lui venga  inseguito dalla polizia. Anche se non è reale la situazione può apparire  molto reale per chi è affetto da demenza. Occorre tener presente che una persona con demenza senile sta cercando di dare un senso al suo mondo, pur vivendo un declino della funzione cognitiva.

Un delirio non è la stessa cosa di una allucinazione. Mentre i deliri implicano false credenze, le allucinazioniAllucinazioni nella Demenza Senile e nel Morbo di Alzheimer. Leggi anche ... » sono false percezioni di oggetti o eventi e sono di natura sensoriale. Quando gli individui con Alzheimer hanno un’allucinazione, possono vedere, sentire, odorare, gustare o anche sentire qualcosa che non è presente nella realtà.

Se una persona con Alzheimer sta vivendo gravi stati deliranti e vi è la paura di autolesionismo o che possa aggredire chi si prende cura di lui, o se il delirio o l’allucinazione è estremamente preoccupante per la persona, è importante poter effettuare una valutazione medica per determinare se è necessario ricorrere all’uso di farmaci.

Trattamento

La prima linea di trattamento per i sintomi comportamentali del morbo di AlzheimerDisturbi del comportamento nella demenza. Leggi anche ... » sono gli approcci non farmacologici, ma se queste strategie falliscono e i sintomi sono gravi, l’uso di farmaci può essere necessario. Mentre i farmaci antipsicotici possono essere efficaci in alcune situazioni, in alcuni casi sono legati ad un aumentato rischio di ictus e di morte in adulti più anziani con demenza e devono essere utilizzati con attenzione. E’ importante avere informazioni dettagliate da parte  del medico per apprendere quelli che possono essere i rischi e i benefici del farmaco prima di prendere una decisione.

Alcuni consigli su come comportarsi

  • Non offendersi
  • Ascoltare ciò che preoccupa la persona e cercare di capire qual è la realtà. Essere rassicurante e lasciare che la persona sia consapevole delle cure.
  • Non discutere o cercare di convincere a tutti i costi.
  • Lasciare che il malato di Alzheimer esprima le proprie idee. Riconoscere il  valore  delle sue opinioni.
  • Offrire risposte semplice.
  • Condividi i tuoi pensieri con l’individuo, ma mantieni un livello di conversazione semplice. Non sopraffare la persona con spiegazioni o motivazioni lunghe.
  • Incentivare altre attività, coinvolgere il paziente in altre attività o chiedere il suo aiuto in un lavoro di routine.
  • Duplicare eventuali oggetti smarriti.
  • Se la persona è spesso alla ricerca di un elemento specifico,   cercare di averne vari a  disposizione.  Ad esempio, se l’individuo è sempre alla ricerca  del suo portafoglio, acquistarne due dello stesso tipo.

Bibliografia

  • Alzheimer association