L’ansia è il sintomo principale dei disturbi d’ansiaDisturbo Acuto da Stress o Reazione Acuta da Stress. Leggi anche … » negli anziani ed è un’esperienza affettiva universalmente condivisa dell’esistenza umana. Raggiunge spesso livelli di intensità e frequenza tali da determinare un profondo disagio soggettivo e da configurare un preciso disturbo psicopatologico. E’ un sintomo comune nell’età anziana: in questa popolazione si hanno, infatti, con alta frequenza, fattori psicosociali capaci di indurre stati di preoccupazione come cattiva salute, problemi economici, isolamento sociale, riduzione delle capacità fisiche e cognitive, incertezza del futuro fino a idee di morte.

Lo psicogeriatra deve essere in grado di interpretare uno stato d’ansia nel contesto psicosociale in cui si verifica, in modo da determinare se questa condizione possa essere considerata nella norma o oltre il limite della patologia.

L’ansia che insorge in età anziana ha delle caratteristiche specifiche ed è legata a preoccupazioni tipiche della popolazione anziana: esse possono riguardare l’insorgenza di malattie, la percezione del proprio deterioramento, una scarsa sicurezza finanziaria, l’isolamento sociale e così via

Ansia fisiologica normale e patologica

E’ possibile distinguere uno stato d’ansia fisiologica da una condizione d’ansia patologica. Il termine ansia fisiologica o normale si riferisce a uno stato di apprensione e di “tensione psichica” che si verifica di fronte a un’esperienza con significato di segnale d’allarme, avvertita come pericolosa e minacciosa, e che determina una mobilizzazione e un potenziamento delle capacità operative personali allo scopo di utilizzare la migliore strategia di gestione possibile. Il termine ansia patologica o angoscia si riferisce, invece, a una condizione nella quale la reazione di attivazione conseguente a uno stimolo è quantitativamente esagerata, viene perduto il finalismo, diminuisce l’efficacia delle prestazioni, con conseguente incapacità ad affrontare la minaccia. Appare determinante, in quest’ultimo caso, la sproporzione esistente tra le proprie capacità di risposta e l’entità dello stimolo che si deve affrontare.

Nell’uomo l’esperienza di minaccia e pericolo non trova come unica fonte il mondo esterno, ma anche e soprattutto un mondo interno popolato di rappresentazioni, conflitti, fantasie e ricordi che possono amplificare l’intensità della stimolazione o sostituirsi completamente ad essa producendo ansia o angoscia. E’ spesso difficile discriminare oggettivamente l’ansia normale da quella patologica poiché tale confine presenta un’estrema variabilità inter-individuale e intra-individuale nelle varie circostanze della vita.

I più comuni Disturbi d’Ansia negli Anziani

Le sindromi nevrotiche, legate allo stress e quelle somatoformi sono state riunite in un ampio gruppo per i loro tradizionali legami e per l’associazione di esse con lo stress psicologico. Classicamente si comprendono tra le sindromi nevrotiche: le sindromi fobiche (agorafobiaAgorafobia – Cos’è, sintomi, cause e cura. Leggi anche … », fobie sociali, fobie specifiche), la sindrome ossessivo-compulsiva, le reazioni a gravi stress e sindromi da disadattamento (sindrome post-traumatica da stress, reazione acuta da stressDisturbo Acuto da Stress o Reazione Acuta da Stress. Leggi anche … », sindromi somatoformi) e altre sindromi ansiose tra cui le sindromi da attacchi di panicoAgorafobia – Cos’è, sintomi, cause e cura. Leggi anche … » e la sindrome ansioso generalizzata.

Nell’anziano sono di più frequente riscontro le sindromi fobiche, la sindrome d’ansia generalizzata e la sindrome ossessivo-compulsiva. La sintomatologia può insorgere ex novo in tarda età, può essere già presente o può rappresentare l’esacerbazione di uno stato di disagio che non aveva ancora incontrato i criteri sufficienti per la diagnosi di sindrome d’ansia: i sintomi d’ansia insorti per la prima volta in età anziana di solito sono “sottosoglia”, ossia non facilmente definibili, pertanto spesso vengono sottostimati, anche se costituiscono certamente fonte di disagio e disabilità per il malato.

Fattori di Rischio e Cause

Gli anziani, tipicamente, presentano elevati livelli di stress ambientale, fisico e psicologico dovuti alla perdita della produttività economica, al peggioramento della salute e dello status professionale e alle perdite affettive (morte del coniuge, degli amici, dei parenti). Non sorprende, quindi, che rispetto a tutte le altre classi di psicopatologie, i disturbi d’ansia negli anziani abbiano una prevalenza maggiore.

Specifici fattori di rischio per lo sviluppo dell’ansia in età avanzata sono:

  • sesso femminile,
  • divorzio o vedovanza,
  • reddito basso,
  • pressione alta,
  • complicazioni cardiache o gastrointestinali

Gli stessi dati epidemiologici sono molto discordanti : un paziente può presentare una serie di sintomi ansiosi anche senza raggiungere il numero minimo di criteri diagnostici specifici per questa sindrome. L’anziano stesso, spesso, scambia il sintomo dell’ansia con un sintomo fisico e la stessa eterogeneità della popolazione geriatrica contribuisce a rendere poco precisi i dati epidemiologici stessi. Nel complesso, tuttavia, viene generalmente accettato che il 10-20% degli anziani è affetto da ansia di rilievo clinico che potrebbe trarre beneficio da un trattamento.

Nell’eziologia dei disturbi d’ansia negli anziani entra in gioco, in modo preponderante rispetto alle altri fasi della vita, il fattore di ordine psicologico e psicodinamico. Pertanto di fronte a un paziente anziano ci si deve sempre domandare se i suoi sintomi e segni d’ansia possano venire o no attribuiti a eventi negativi della vita. Vanno così sempre indagati eventi stressanti passati e eventi critici del presente: uno stato di malattia del soggetto, la morte o la malattia del coniuge o di un familiare o l’istituzionalizzazione del paziente sono spesso fattori responsabili in questi soggetti di quadri di tipo ansioso.

Alcune malattie organiche possono essere associate all’ansia (in quanto causano sintomi simili) ma non devono essere considerate in sé causa di disturbi d’ansia negli anziani. Esse sono:

  • ipoglicemia, feocromocitoma, ipertirodismo che producono tremore, tachicardia o ipereccitabilità;
  • infarto miocardico silente, embolia polmonare, attacco ischemico transitorio o stroke di lieve entità, eccessiva assunzione di caffeina, simpaticomimetici contenuti in composti da banco e sindrome da sospensione di sedativi, ipnotici o alcol che causano paura, confusione, astenia, vertigini, difficoltà respiratorie e sudorazione.

E’ bene quindi sgomberare il campo da queste tipologie di malattie al fine di diagnosticare una vera e propria ansia.

Infine i farmaci che possono provocare o simulare disturbi d’ansia sono: anestetici, antiipertensivi, antistaminici, corticosteroidi, insulina, penicillina e cicolserina, simpaticomimetici, terapia tiroidea sostitutiva, farmaci antiparkinsoniani, anticonvulsionanti e alcuni antidepressiviSertralina (Zoloft, Tatig) – Avvertenze e precauzioni d’uso. Leggi anche … ».

Sintomi e Diagnosi dei Disturbi d’Ansia negli Anziani

Nell’anziano si riscontra di frequente uno stato di costante preoccupazione conseguente ad alcuni problemi correlati a questa età, quali lutti, malattie fisiche e problemi economici, che non deve indurre il medico a porre diagnosi di disturbo d’ansiaAgorafobia – Cos’è, sintomi, cause e cura. Leggi anche … » senza gli adeguati accertamenti clinici. La presenza di correlati somatici e psichici, ossia di sintomi fisiciSindrome Premestruale e Disturbo Disforico – Cause, Sintomi e Terapie. Leggi anche … » (tremori, dolori e tensione muscolare, iperattività neurovegetativa, sudorazione, palpitazioni, nausea e diarrea, bocca secca ecc.) e cognitivi (irritabilità, difficoltà a concentrarsi, preoccupazioni, paure e fobieDisturbo Fobico e le Fobie Specifiche. Leggi anche … » ecc.) attribuibili a una condizione di tipo ansioso, può, in tal caso, essere d’aiuto nel riconoscimento di una condizione patologica clinicamente importante e indirizzare verso una diagnosi corretta e un trattamento mirato.

I sintomi fisici dell’ansia nel soggetto anziano sono simili a quelli che si riscontrano nel soggetto giovane, ma possono avere conseguenze più serie sul piano comportamentale e possono essere erroneamente attribuiti a malattie organiche. Condizioni d’ansia severa possono così mimare malattie neurologiche, cardiovascolari, gastroenteriche o endocrine.

L’insonnia è un disturbo molto frequente (in particolare si ha una riduzione della fase REM del sonno): più della metà dei soggetti anziani lamenta alterazioni del sonno e in molti di questi casi il disturbo è conseguente a preoccupazioni, apprensione, incubi o altri sintomi che fanno parte di un quadro di tipo ansioso.

I disturbi fobici sono caratterizzati da un’ansia clinicamente significativa, provocata dall’esposizione a un oggetto, a certi tipi di prestazioni sociali o a determinate situazioni o luoghi. Non sembrano esserci significative differenze, rispetto ai giovani, nel tipo di fobie descritte dagli anziani. Secondo alcuni dati epidemiologici, le fobie (fobia specificaI Disturbi d’Ansia. Leggi anche … », agorafobia e fobia socialeI Disturbi d’Ansia. Leggi anche … ») rappresentano il disturbo psicologico più frequente nelle donne anziane (6,1% di prevalenza nella popolazione) e il secondo disturbo psicologico più comune nell’uomo anziano (2,9%). L’esposizione agli stimoli stressanti (o anche l’attesa all’esposizione) suscita un’ansia marcata e irrazionale. Molti dei sintomi fobici nei soggetti anziani possono non raggiungere un livello clinico apprezzabile per uno stile di vita che spesso permette a questi soggetti di evitare il contatto con i fattori scatenanti il disturbo.

Il disturbo di panicoQuali sono le cause del panico e dell’agorafobia?. Leggi anche … » si sviluppa raramente in tarda età: la prevalenza del disturbo negli adulti sopra i 65 anni è stimato essere da alcuni solo dello 0,1%. Sintomi quali difficoltà a rilassarsi, irritabilità, ipervigilanza, tensione muscolare e sintomi a carico del sistema neurovegetativo sono spesso espressione nell’anziano di un disturbo d’ansia generalizzata. Sia nelle popolazioni di giovani che in quelle di anziani, l’ansia generalizzata è spesso accompagnata da depressione e può rappresentare un sottotipo indipendente di depressione mista ad ansia. La maggiore intensità e frequenza di eventi stressanti nella vita degli anziani sembra elevare il rischio di sviluppare tale disturbo.

Infine, nella persona anziana possono comparire per la prima volta ossessioni e compulsioni. Hanno, tuttavia, una minor prevalenza negli anziani rispetto ai giovani (1 vs. 2,5%). Ad una più attenta valutazione è possibile spesso rilevare nella storia di questi pazienti sintomi e comportamenti ossessivi fin dalla giovane età. Si passa quindi da una condizione giovanile di perfezionismo, metodicità, puntualità e parsimoniosità a una situazione senile di eccessivo desiderio di ordine, ritualità e precisione, con conseguente inflessibilità, rigidità e compulsione. La maggior parte delle compulsioni implica comportamenti di pulizia (mani, pavimento) o di controllo (fornelli, serrature, dosaggio medicine).

Trattamenti dei disturbi d’ansia negli anziani

Se è vero che il trattamento farmacologico nei disturbi di origine ansiosa è idoneo ed utile, dati recenti indicano che agli anziani vengono spesso inappropriatamente prescritti farmaci ansiolitici. In verità senza tener conto dell’eziologia dell’ansia, il gruppo al di sopra dei 65 anni è, in misura sproporzionata, il maggior consumatore di farmaci antiansia. Il 50% dei pazienti delle case di riposo segue terapie con questa classe di farmaci. Tra i farmaci ad azione ansiolitica utili nella terapia dei Disturbi d’Ansia negli Anziani sono da annoverare innanzi tutto i barbiturici e le benzodiazepineCosa accade quando si assumono benzodiazepine o farmaci-Z per un periodo di tempo prolungato?. Leggi anche … », ma anche antidepressivi e neurolettici. La ridottissima tolleranza dell’anziano nei confronti dei barbiturici ne sconsiglia l’utilizzo. Le benzodiazepine producono molti degli effetti collaterali dei barbiturici, quali atassia e confusione mentale ed è quindi preferibile un loro impiego in pazienti che presentano una grave sintomatologia ansiosa di tipo primario.

I pazienti geriatrici presentano un maggiore rischio di tossicità causato o aggravato da:

  1. maggiore sensibilità del sistema nervoso centrale e ridotta funzionalità renale;
  2. comorbidità (per es., morbo di Parkinson);
  3. assunzione di più farmaci e maggiore sensibilità alle interazioni farmacologiche;
  4. bassa compliance farmacologica

Oltre al maggiore rischio di tossicità, gli anziani sembrano avere effetti collaterali più gravi con l’uso delle benzodiazepine rispetto ai giovani, come sedazione, riduzione del coordinamento, abulia, umore depresso, disorientamento, deficit di memoria e dell’attenzione (con rischio di cadute).Alla luce di questi pericoli, molti autori consigliano di ridurre i dosaggi delle benzodiazepine fino al 50% per compensare l’aumentata emivita correlata alla ridotta funzionalità renale ed epatica degli anziani. Tale modifica del dosaggio è giustificata dal fatto che l’emivita del metabolita del diazepamEsistono altri metodi efficaci contro ansia ed insonnia?. Leggi anche … » in un ottantenne è di circa 90 ore, contro le 20 ore circa in un ventenne. Inoltre, se devono essere prescritte le benzodiazepine, sono consigliati i farmaci con emivita più breve, come lorazepam e oxazepam, ma questi comportano un maggiore rischio di astinenza, in particolare con gli anziani.

Chiaramente, le benzodiazepine andrebbero impiegate solo per ridurre l’aggravamento dell’ansia acuta e per periodi molto brevi.

Gli azapironi (di cui è attualmente disponibile il buspirone) sono agonisti non selettivi della serotonina e producono effetti collaterali significativamente inferiori rispetto alle benzodiazepine. Inoltre, nessuna interazione farmacologica clinicamente significativa o sintomi di astinenza sono associati al loro uso. D’altro canto c’è da considerare che il buspirone, richiedendo 1-2 settimane di latenza per manifestare il suo effetto clinico, non può essere utilizzato nelle situazioni acute.

Bibliografia: La valutazione psicologica dell’anziano. Carocci ed. 2005