0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
sintomi da sospensione triciclici

I sintomi da sospensione improvvisa possono assomigliare a quelli da astinenza

Gli antidepressivi triciclici non sono dei tranquillanti e, quindi, non si ritiene che causino dipendenza.

E’ possibile per molti pazienti interrompere l’assunzione di triciclici in ogni momento anche se è consigliabile ridurne gradualmente l’assunzione in vista del termine del trattamento: questo per evitare l’insorgenza di sintomi da “rimbalzo” dovuti ad una fine improvvisa del trattamento. I sintomi da rimbalzo, però, non indicano una dipendenza dal farmaco dal momento che tra questi sintomi non è stata riscontrata la necessità di assumere il farmaco.

I sintomi da rimbalzo che potrebbero verificarsi sono simili a quelli di astinenza (anche se non lo sono): vertigini, problemi a livello del sonno, ansia ed agitazione, sintomi simili a quelli dell’influenza, crampi addominali e diarrea, sbalzi d’umore, cattivo umore, nausea, formicolio.

Questi sintomi, però, tendono a presentarsi in caso di interruzione improvvisa del trattamento, per questo è consigliabile ridurre gradualmente il dosaggio. Qualora si presentassero,  solitamente scompaiono nell’arco di due settimane: è, però, possibile riprendere l’assunzione del farmaco e ridurre il dosaggio ancor più gradatamente per ovviare alla loro comparsa.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes