Gli attacchi di panico e l’agorafobia possono influire in modo significativo sulla vita. Tra il 30% e il 70% dei soggetti che soffrono di questi disturbi cadono poi in depressione. La depressione può presentarsi in maniera lieve (pianto, tristezza) oppure in modo pesante (grande disperazione, alcolismo, autolesionismo, tendenze suicide). La depressione scompare quando si inizia a tenere sotto controllo l’ansiaDisturbo d’Ansia Generalizzato. Leggi anche … ».

Più in generale gli effetti di questi disturbi sulla vita sociale sono i seguenti:

  • evitamento con conseguente isolamento,
  • irritazione,
  • apprensione,
  • introversione,
  • necessità di sentirsi continuamente rassicurati.

Letteralmente agorafobia significa “paura della piazza” ossia paura di trovarsi in luoghi pubblici: questo disturbo interessa il 7% delle donne e il 3% degli uomini. Chiaramente questi soggetti tendono ad evitare situazioni dalle quali può essere difficile allontanarsi in caso di un attacco di questo tipo come per esempio guidare l’auto nel traffico, attraversare ponti o gallerie, entrare in un supermercato o magazzino, prendere i mezzi pubblici, uscire a cena, fare la fila, stare in casa da soli. La reciproca influenza di DP e agorafobia non è ancora chiara, tuttavia si riscontra che chi soffre di DP soffre spesso anche di agorafobia, ma non sempre.