pregiudizioSinonimi: preconcetto, preclusione, prevenzione

Significato: giudizio o opinione errata che dipende da scarsa conoscenza dei fatti o da accettazione non critica di convinzioni correnti.

Etimologia: dal latino praeiudiciu(m), composto da pae e iudicum = giudizio

Il pregiudizio trova radici in quella che era la teoria marxista che affermava: “Il pregiudizio è un atteggiamento sociale propagato tra il pubblico da una classe dominante con lo scopo di stigmatizzare come inferiori altri gruppi in modo che sia giustificato il loro sfruttamento economico e l’accesso alle risorse di cui i gruppi dominati dispongono.”

In realtà potremmo identificare il pregiudizio in tre elementi caratteristici:

  • Elementi cognitivi: ovvero quelle credenze tipiche della nostra cultura
  • Elementi affettivi: ovvero i sentimenti che ci portano a preferire determinate persone/ situazioni rispetto ad altre
  • Elementi comportamentali: ovvero quelle azioni tipiche del nostro essere e del nostro carattere

Talvolta sono anche fattori esterni che, uniti agli elementi sopra citati, ci portano a essere più prevenuti rispetto a determinate situazioni che ad altre. Tali fattori possono essere:

  • Ignoranza
  • Difficoltà di comunicazione
  • Competizioni
  • Cambiamenti sociali

Non a caso in una celebre opera di Jane Austen il pregiudizio e accomunato all’orgoglio, indice di come spesso l’uno sia la conseguenza dell’altro. L’opera, Orgoglio e Pregiudizio, mostra proprio come talvolta la nostra cultura, istruzione e tradizione possano innalzarci al di sopra di chi ci sta intorno portandoci ad avere preconcetti verso gli stessi e a precluderci il piacere di nuove esperienze e conoscenze. Questo spesso risulta essere la conseguenza di un qualcosa di più profondo, del confronto e del mettere a nudo il nostro mondo che potrebbe non essere così perfetto come crediamo. Ecco come la Austen riassume ciò:

Elizabeth ascoltava in silenzio, ma senza essere convinta; il contegno delle signorine Bingley al ricevimento non era stato tale da accattivarsi la simpatia generale: più pronta nei suoi giudizi e con un carattere meno arrendevole della sorella, non era troppo disposta ad ammirarle. […] Mr Darcy, che in principio si era appena degnato di trovarla graziosa; al ballo non l’aveva ammirata affatto e negli incontri seguenti l’aveva guardata unicamente per criticarla.”

Bibliografia:

  • Dizionario della lingua italiana, Garzanti editore
  • Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio, Newton editore