News e Aggiornamenti

Curare la depressione al telefono: ecco i risultati di uno studio

Gran parte dei pazienti sottoposti alla terapia cognitivo-comportamentale incontrano spesso dei problemi di tipo pratico che impediscono loro di seguire in modo continuativo il trattamento. Ecco che uno studio condotto a Chicago sembra essere in grado di fornire una valida soluzione a questo problema: la somministrazione telefonica della terapia cognitivo-comportamentale. La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) figura tra i metodi ritenuti maggiormente efficaci nel trattamento della depressione, soprattutto nel caso di quei

Psicologia online: binomio possibile?

Risale al 1995 in Italia la nascita dei primi siti di psicologia, creati intuendo le enormi potenzialità della rete. Si sono sviluppati successivamente – e più lentamente rispetto agli Stati Uniti – i portali di consulenza psicologica online, immersi tuttavia in uno scetticismo che ancora persiste, nonostante la richiesta da parte degli internauti ci sia, e non poco. Cosa spinge un utente a richiedere aiuto psicologico online? Quali i vantaggi

Psicologia online: la normativa italiana

Quali norme regolano in Italia il fenomeno della consulenza psicologica online? Le linee guida redatte dall’Ordine Nazionale Psicologi chiedono innanzitutto chiarezza e trasparenza da parte del professionista riguardo la propria appartenenza all’Ordine professionale, la tutela della privacy degli utenti ed il monitoraggio dei siti web di e-therapy, attraverso l’istituzione di registri aggiornati e di gruppi di studio.

Psicologia online: lo psicologo è su Facebook

Non solo siti web ad hoc e community tematiche: sembra proprio che gli psicologi siano sbarcati anche nel più popolato social network: Facebook. La proposta è di uno psicologo a completa disposizione degli utenti Facebook per due sere a settimana, dalle 21 alle 23.30. Il tutto assolutamente gratis. Per prenotarsi (sempre che si sia maggiorenni), è sufficiente consultare prima di tutto il calendario delle disponibilità e quindi inviare un messaggio

Medicina online: autodiagnosi per la metà degli italiani

Ben l’81% degli italiani sembra che si affidi ad Internet per ricercare informazioni sul proprio stato di salute: circa il 20% di coloro i quali accedono a Internet afferma di ricercare “spesso” informazioni di questo tipo, il 60% risponde “qualche volta” e solo il restante 20% non ricerca mai questo tipo di informazioni. Ad affermarlo è la ricerca internazionale sui servizi sanitari Bupa Health Pulse 2010, realizzata e pubblicata dalla

Medicina online e autodiagnosi: Internet basta?

Sono numerose le ricerche che attestano che sempre più italiani ricercano nella rete informazioni mediche riguardo ai farmaci o al proprio stato di salute. Nascono parallelamente sempre più siti web, ma anche social network, dedicati al mondo della sanità e del benessere, “ma purtroppo sono spesso poco affidabili”. E’ sufficiente affidarsi al web per autodiagnosi e ricerche su farmaci?

Medicina online: come valutare la qualità delle informazioni mediche online

Stupisce la quantità di italiani che si rivolge alla rete per reperire informazioni mediche e tentare attraverso di esse improbabili autodiagnosi fai da te. Non bisogna dimenticarsi tuttavia che ormai pubblicare informazioni mediche online è possibile a chiunque e si pone quindi una questione: com’è possibile capire l’affidabilità e la serietà dei siti web cui ci si affida per reperire informazioni mediche online? Un modo c’è, e si chiama “HONcode”.

Medicina online: sempre più mamme in rete per la salute dei figli

Mamme sempre più interattive, anche in ambito sanitario. Una ricerca di eXtrapola ha analizzato infatti le conversazioni web di mamme sempre più alla ricerca di informazioni online sulla salute dei propri figli, mostrando come anche per le madri italiane la rete sia sempre più spesso un punto di riferimento sul tema della salute dei più piccoli. Il luogo preferito per le ricerche sulla salute dei propri figli inoltre sembra essere

Gli psicologi italiani e internet

Anche la psicologia è ormai approdata nel mondo del web. Ma quali strumenti hanno gli psicologi per potersi far conoscere e per poter aiutare, al meglio, i loro pazienti? Le opportunità che si aprono loro per metter su “casa” in rete sono diverse, ma altrettanto importanti sono l’atteggiamento che devono assumere nei confronti dei loro pazienti e le regole che devono rispettare nell’offrire prestazioni online. Infatti, il Codice Deontologico degli